NUOVI ACCORDI TERRITORIALI sottoscritti il 25.06.2020

IMG-20200625-WA0018    IMG-20200625-WA0006

Sottoscritto il 25.06.2020 in Comune di Firenze il nuovo accordo territoriale per le locazioni abitative dell’area metropolitana fiorentina.

L’elemento più significativo di questo accordo è la riduzione del canone massimo nella percentuale del 10%, una misura che ci è stata richiesta dal Comune e dalle OO.SS dell’inquilinato.

Le organizzazioni sindacali della proprietà hanno accolto questa richiesta che è apparsa opportuna in un momento di grave crisi economica e sociale dovuta alla pandemia con l’intento del resto più volte manifestato dall’amministrazione comunale, in persona del sindaco Nardella, di mantenere il tessuto socio economico dell’area.Abbiamo peraltro voluto evidenziare che la crisi economica ha colpito e colpisce in modo trasversale tutte le categorie socio economiche, compresi i proprietari che rappresentiamo.Abbiamo allora chiesto un segnale all’amministrazione comunale in questa direzione e così è emersa l’idea di una riduzione del canone massimo, ma condizionata ad una premialità fiscale sull’IMU.

Pertanto la riduzione del canone massimo è stata concordata nel nuovo accordo, ma condizionata all’applicazione di una riduzione dell’imu al minimo di legge.E dunque la riduzione si applicherà obbligatoriamente in tutti quei comuni che, come Firenze, prevederanno la riduzione della aliquota imu al minimo di legge.

L’accordo contiene anche altre misure migliorative proprio nell’ottica di estenderne l’applicazione il più possibile.Si è anche istituita una commissione permanente con il compito di monitorare la situazione socio economica generale.Tutte misure che vanno nell’interesse delle parti sociali ed anche della proprietà che rappresentiamo nell’ottica di uscire al più presto dalla crisi economica dovuta alla emergenza sanitaria.

Avv. Giovanni Baldazzi
Presidente della Sede Provinciale UPPI FIRENZE

UPPI App!

UPPI App!

Disponibile per il download gratuito la nuovissima applicazione UPPI, Unione Piccoli Proprietari Immobiliari, nei negozi virtuali Apple e Google per difendere la propria casa. Contiene tutti i riferimenti delle sedi UPPI d’Italia, la rivista nazionale, e le notizie “push” che ti terranno aggiornato sulle ultime novità dal pianeta casa.

La nostra app ti indicherà la sede UPPI più vicina a dove ti trovi, e potrai entrare in contatto facilmente per ottenere risposte ed aiuto a difendere la tua piccola proprietà.

Scaricala adesso da Google Play o su iTunes, è gratis:

ico-google-play

ico-app-store

 

Comunicato stampa: l’UPPI apprende con soddisfazione la mancata approvazione da parte del Governo del secondo decreto sul catasto

Comunicato stampa: l’UPPI apprende con soddisfazione la mancata approvazione da parte del Governo del secondo decreto sul catasto

L’UPPI ha appreso con soddisfazione la notizia che il Governo nel Consiglio dei Ministri, convocato per oggi, non approverà il secondo decreto delega sul catasto riguardante il nuiovo algoritmo per la determinazione dei nuovi valori catastali per 63 milioni di immobili in Italia.

Ancora una volta l’UPPI ha colto nel segno e ha ottenuto il risultato sperato. La riforma del Catasto è stata bloccata dal Governo perché evidentemente Renzi si è accorto che il nuovo algoritmo presentava notevoli problemi di applicazione e avrebbe messo a rischio il principio dell’invarianza di gettito, principio fondamentale dal quale non si può prescindere anche per evitare ulteriori sperequazioni tra gli stessi proprietari di immobili. Difatti il meccanismo del c.d. algoritmo, sulla del quale determinare i valori catastali, non appare realizzabile attesa la eccessiva eterogeneità di situazioni locali caratterizzanti l’intero patrimonio immobiliare nazionale.

L’UPPI aveva per prima evidenziato, dalle simulazioni che avevano predisposto le proprie Commissioni Urbanistica e Fiscale, che con la riforma così come la si stava portando avanti emergeva un incremendo delle rendite catastali fino a sei volte, facendo quindi venire meno il rispetto dell’invarianza di gettito che era conditio sine qua non per potere dare corso a questa epocale riforma.

Consapevole che la pressione fiscale sugli immobili ha raggiunto livelli insostenibili e che, nel 2014, ha superato i 42 miliardi di Euro con un aumento negli ultimi tre anni del 160%: dai 9,2 miliardi del 2011 ai 23,9 miliardi del 2014, l’UPPI ha ritenuto di dare corso ad una serie di convegni nelle principali città italiane al fine di informare sia i proprietari di casa che i professionisti interessati sull’iter della riforma stessa, convegni che hanno visto la partecipazione oltre che di un numeroso pubblico, anche di politici e della stessa Agenzia delle Entrate. In detti convegni è emerso che non risulta assolutamente chiaro né credibile che la riforma avrebbe dovuto realizzarsi attraverso la c.d. invarianza di gettito stante la assoluta mancanza di dati per la formazione di campioni esaustivi.

In tutti i convegni è emerso che l’aumento della pressione fiscale sugli immobili ha fortemente danneggiato il settore dell’edilizia e delle costruzioni e che non può esserci una vera ripresa in Italia senza una riduzione delle tasse sugli immobili, sopratutto di quelle locali.

Con alle porte l’introduzione della Local Tax dal 2016 che andrà a sostituire l’IMU e la TASI, l’UPPI si chiede se la promessa che le tasse saranno ridotte sia ancora dredibile e per contro non si abbia davvero intenzione di continuare a mettere mano nelle tasche dei piccoli proprietari immobiliari.

Roma, 23 giugno 2015